Come realizzare un’app per iPad per la lettura di riviste – Introduzione


Sin dal momento dell’ introduzione dell’iPad nel mercato,uno dei generi più apprezzati di applicazioni è stato senza dubbio quello delle app per poter leggere libri, rivieste e giornali. Durante il suo anno di vita, tutti i maggiori editori hanno reso disponibili per iPad le loro principali testate, a cui si sono aggiunti – tra gli editori minori – inizialmente un manipolo di coraggiosi e poi, visto il numero straordinario di dispositivi venduti in poco tempo, tantissimi editori si sono a poco a poco convinti a portare i loro prodotti sul tablet di Apple. Nonostante le potenzialità di guadagno siano ancora da discutere – e nel mondo dell’editoria si stia ancora cercando la strada giusta per rendere profittevole questo tipo di attività (dato che comunque vige la regola non del tutto giustificata che ciò che si trova su Internet debba essere gratis) – senza dubbio esiste per gli editori un’ampia possibilità di scelta su come entrate nell’App Store.

Attualmente un editore si trova a dover compiere un certo numero di scelte, le quali a loro volta influenzeranno i costi di sviluppo, di manutenzione di un eventuale server e infine il flusso stesso di preparazione della rivista. In particolare l’editore dovrà:

  • scegliere se è preferibile pubblicare la sua testata con un’app specifica, o affidarsi ad app di tipo “newsstand” del tipo di Zinio
  • decidere se contattare una software house per uno sviluppo dedicato, o affidarsi a dei servizi su internet che consentono una pubblicazione più rapida ma con possibilità di personalizzazione limitate
  • verificare se converrà ospitare i servizi di back-end su un proprio server o utilizzando un servizio di terze parti
  • infine dovrà decidere se mantere il proprio flusso di pubblicazione via file pdf o affidarsi ad una soluzione completamente diversa che però potrebbe avere un grande impatto nel flusso di preparazione del prodotto.
Noi di i3factory ci siamo nel tempo specializzati nell’offrire prodotti che sono sicuramente “custom”, ossia prodotti adattati alle esigenze del cliente, riuscendo a realizzare il prodotto con costi ragionevoli e in tempi abbastanza rapidi, il tutto rimanendo aggiornati di continuo con le novità sfornate da Apple ad ogni rilascio di una nuova versione del sistema operativo e fornendo un prodotto di qualità.
In questa serie di articoli mettiamo in campo le nostre conoscenze per spiegare come è organizzata un’app di lettura di riviste per iPad (ma i concetti sono adattabili per app destinate alla pubblicazioni di libri e giornali, tenendo conto delle rispettive peculiarità). Premettiamo che sebbene l’argomento sia inizialmente di natura generale, via via nei prossimi articoli approfondiremo la questione e ci rivolgeremo prettamente alla platea degli sviluppatori.
Ricordiamo che questi articoli vengono riportati in lingua inglese nel sito iOS blog

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*